Il sito fa uso di due tipologie di cookies: cookies tecnici e cookies di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.

Israeliani cedono il loro voto ai palestinesi


shalomRiportiamo una iniziativa particolare nato sul Web in merito alle prossime elezioni in Israele.

Elezioni israeliane, nasce il movimento "Real Democracy": cittadini di Israele votano il partito indicato da palestinesi di Gaza, Cisgiordania e Gerusalemme Est.

A poche settimane dalle elezioni politiche israeliane, il prossimo 22 gennaio, si fa largo sul web un movimento creato da un gruppo di palestinesi, israeliani ed internazionali che invita i cittadini israeliani alla "ribellione elettorale".

L'idea che sta alla base di questa azione è semplice: i cittadini israeliani rinunciano al loro voto alle prossime elezioni a favore di un qualsiasi palestinese che vive in Cisgiordania, a Gaza o a Gerusalemme Est - sotto l'occupazione israeliana - e quindi non ha diritto al voto. Il manifesto del gruppo afferma: "Tutti gli uomini nascono uguali, questo si suppone sia un valore universale. Eppure, l'attuale legge israeliana ed internazionale non tratta i cittadini palestinesi e quelli israeliani allo stesso modo. Senza un sistema 'una persona un voto' Israele non può essere considerato uno Stato democratico. Assoggettare i palestinesi ad uno Stato in cui non sono cittadini a pieno titolo va contro i principi fondamentali della democrazia".

Il movimento, nella pagina Facebook "Real Democracy" spiega il motivo per cui i fondatori non considerano Israele come una vera democrazia, argomentando che il governo israeliano regola e controlla la vita di milioni di palestinesi che vivono sotto l'occupazione e l'assedio, ma non hanno il diritto di eleggerlo. "È il governo israeliano a definire quali palestinesi possono entrare ed uscire dal Paese, a decidere quando e come l'esercito israeliano deve invadere, attaccare e controllare le città palestinesi, ed è sempre il governo israeliano che stabilisce quali partiti o opinioni politiche sono illegali e sotto quali condizioni le tasse dei palestinesi vengono raccolte e distribuite". Vale a dire che i palestinesi sono effettivamente governati ma senza il loro consenso e non hanno voce in capitolo nelle decisioni che li riguardano.

Nella pagina Facebook del gruppo vengono indicate le modalità attraverso le quali i cittadini israeliani possono cedere il proprio voto, pubblicando sulla bacheca della pagina una nota. Ad esempio: "Il mio nome è Shalom Shalom, ho 24 anni e vivo a Gerusalemme. In queste elezioni, io do il mio voto ad un cittadino della Palestina". Da parte loro, i cittadini palestinesi possono rispondere alla nota con un messaggio diretto: "Il mio nome è Salam Salam, ho 24 anni e vivo a Gaza, userò il tuo voto". In seguito, i due verranno invitati a scambiarsi l'amicizia ed in privato inizieranno una conversazione in cui il palestinese indicherà all'israeliano chi votare alle elezioni.

 

Fonte: http://nena-news.globalist.ite perlapace


Fondazione Angelo Frammartino Onlus

Stampa