Cento aquiloni per la Pace

Progetto “Cento Aquiloni per la Pace ” 2010 - 6 giorni da “Zingari” per le Terre di Lombardia

La sezione milanese della Fondazione ha dato il via alla terza edione del Campo estivo “Cento aquiloni per la Pace”, dedicato ad un gruppo di 7 bambini Rom, macedoni e kossovari, del villaggio di via Novara 523, a Milano.


Nell’intento di conferire una dimensione di continuità ad una iniziativa che – avviata nel 2008 con il Campo estivo presso il Centro scolastico gallaratese di Milano e proseguita nel 2009 con il Campo estivo a Caulonia – il Gruppo milanese della Fondazione Angelo Frammartino Onlus ha dato il via alla realizzazione di «6 giorni da “Zingari” per le Terre di Lombardia», quasi una settimana di escursioni giornaliere - da lunedì 26 luglio a sabato 31 luglio - dedicate ad un gruppo di 7 bambini Rom, macedoni e kossovari, del villaggio di via Novara 523, a Milano.

La “giornata tipo” si configura con partenza al mattino in minibus alle ore 8.30, piccolo spuntino, viaggio di trasferimento verso la meta del giorno, visita dei luoghi, pranzo, siesta e giochi all’aria aperta, gelato e ritorno al campo per le ore 16.30 circa.

Gli itinerari giornalieri graviteranno prevalentemente nella Regione Lariana e del Parco Ticino, non solo per l’indiscusso fascino dei luoghi, ma anche per la loro prossimità – che li rende particolarmente idonei alle escursioni di un giorno - e per la possibilità di fare riferimento ad itinerari ben conosciuti dagli accompagnatori. E’ prevista inoltre una escursione straordinaria a Venezia, sulla cui valenza esperienziale si ritiene superfluo dilungarsi!

L’iniziativa viene proposta con l’intento di offrire ai bambini l’opportunità di trascorrere alcune giornate in un ambiente differente da quelli vissuti nella quotidianità, stimolando l’apertura verso dimensioni inusuali quali il viaggio, la scoperta, il contatto con la natura e la visita di centri d’arte.

Si intende soprattutto consolidare, attraverso la condivisione di una esperienza che ci auguriamo come per le precedenti edizioni intensa e significativa, quei legami di affetto che nella continuità della nostra presenza al Villaggio si sono instaurati con i bambini e con le loro famiglie. Legami che, a nostro avviso, sono particolarmente importanti in un contesto sociale e in momenti, come purtroppo quelli attuali, in cui il pregiudizio e l’emarginazione hanno progressivamente preso il sopravvento sui sentimenti della Solidarietà, dell’Empatia e del rispetto della dignità e dei diritti dell’Uomo.

Epifania con i bambini